L’UFFICIO STAMPA NEL CALCIO E’ UN RUOLO GIUSTO. BASTA CRITICARLI

E’ sempre più spesso che sento dei pistolotti assurdi e allucinanti  sugli uffici stampa nel calcio, la cosa paradossale è che sento giudicare il lavoro delle persone che svolgono questo ruolo da persone di una certa età che vorrebbero rivivere quel calcio di 20 anni fà.

E non è che gli do torto, per carità anche a me piaceva vivere negli anno 80 ma purtroppo siamo nel 2020 e per quanto io possa essere nostalgica devo ammettere che la vita è andata avanti, la comunicazione è cambiata, il calcio anche, cosi come la nostra società. Il punto cruciale per i giornalisti che lavoravano negli anni 80 è il non poter entrare e uscire dagli spogliatoi, accompagnare i giocatori a casa, avere esclusive che oggi per la quantità di giornalisti, di testate e anche un pò per colpa dei social non si possono più avere.

A quanti adesso mi diranno che non sono obiettiva perché sono stata in prima persona Direttore della Comunicazione di una squadra di serie a vorrei spiegare un pò come funziona all’interno di una società. 

Una volta le testate sportive importanti erano 3 poi c’era qualche giornalista di quelli bravi  qualche inviato e stop. Oggi ( prendendo ad esempio la piazza romana) solo le radio che fanno calcio sono circa una decina, i siti internet nemmeno si contano, e tra giornali, televisioni nazionali e quelle private in una conferenza stampa o in zona mista ti ritrovi circa una 50ina di persone,  se va bene.  E siccome tutti sono iscritti all’ordine e sono testate giornalistiche il trattamento dovrebbe essere uguale per tutti (per legge) . 

Voi ora pensate se gli uffici stampa permettessero, alla fine di una partita, a tutta questa gente di entrare negli spogliatoi o di poter accompagnare un giocatore a casa come succedeva a Pruzzo con Lieldhom inizio anni 80. 

Per non parlare poi che oggi le società come da regolamento cedono i diritti e quindi piaccia o meno c’è chi per diritto deve avere dei servizi che gli altri non possono avere. Ovvio che a  quelli che non hanno la possibilità di acquistare i diritti può dar fastidio ma non è una scusa  per giudicare il lavoro di chi per le società si occupa della comunicazione.  Insomma lo trovo stupito criticare chi è li per fare il proprio  lavoro, liberissimi invece di criticare come quel lavoro viene fatto .

Insomma credo personalmente che i giornalisti che criticano i colleghi siano sul  gradino più basso di una categoria che non ha più idee, che è alla ricerca dello scoop a tutti i costi, della notizia inventata solo per punto preso. Ci sono tanti modi per fare giornalismo anche senza avere a disposizione Ronaldo o Totti. 

L’ufficio stampa è diventato ormai un lavoro, c’è gente che studia, sono risorse per le società, non vedo perché solo nel calcio dovrebbero essere aboliti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.